Soundfly: la startup che ti aiuta a trovare il tuo sound

23 febbraio 2015

Pensate di non avere le doti per imparare a suonare uno strumento musicale? Il Team di Soundfly vi direbbe che vi sbagliate. Per i fondatori del nuovo sito che fornisce gli strumenti e i trucchi per imparare la musica, tutti possono suonare.

La musica non è solo note e accordi, ma è un bisogno umano fondamentale, un mezzo per comunicare ed esprimersi, per tirare fuori la propria voce, unica e originale. Soundfly si rivolge a tutti: ai musicisti che aspirano a suonare alla Carnegie Hall e a chi mira semplicemente a cantare o a suonare con gli amici intorno a un falò (ordinanze permettendo).

Il CEO di Soundfly, startup di Brooklyn, è Ian Temple: pianista, imprenditore, musicista professionista e componente di un trio di musica sperimentale, i Sontag Shogun. Per una causalità ho incrociato Ian Temple su Twitter, grazie a un articolo molto curioso scritto dal violinista e compositore Daniel Merril dal titolo The Global Fiddler , nel quale ci parla dei diversi modi in cui si può suonare un violino.

L’articolo è stato pubblicato su Flypaper, il blog di Soundfly, e mi è piaciuto molto perché nel pensiero comune il violino è visto come uno strumento adatto quasi esclusivamente alla musica classica, invece è importante far sapere che il violino trova spazio in molte culture, non solo in quella occidentale. Fuori dai confini della musica classica il “violin” diventa il “fiddle” (il violino usato nella folk music o in altri generi musicali).

Nel suo articolo, Merril ci parla dello stile del violino nella musica araba, nella folk music danese e nel jive del Sud Africa, dandoci la possibilità di conoscere sonorità nuove.

È  anche questo lo scopo di Soundfly: far capire che non c’è un solo modo per suonare uno strumento e che la musica è varia e si è evoluta insieme a noi .

Cosa si può imparare su Sounfly? Al momento il Team sta lavorando su quattro corsi: il primo è su come programmarsi da soli un tour con il proprio gruppo, il secondo è sulla tecnica per suonare il pianoforte e la tastiera, il terzo sulla lettura e la scrittura su pentagramma e il quarto sull’improvvisazione.

Un esempio di tutorial è questo video che illustra alcuni suggerimenti tecnici e di postura per il pianoforte.

Sono molto curiosi e simpatici anche i video di carattere storico, come quello che racconta l’incontro tra Beethoven e Clementi. Fu un momento importante per la storia della musica, perché Clementi diventò l’editore di Beethoven. Chi ha avuto a che fare nella propria vita con le Sonatine di Clementi, di sicuro riconoscerà il sottofondo musicale del video. È  proprio lei, la Sonatina in do maggiore n. 3 op.36.

Soundfly è un buon esempio di come il web e i video possano essere uno strumento valido per la divulgazione della musica e per offrire a chiunque la possibilità di imparare. I video sono disponibili sul canale Youtube di Soundfly.

A chi fosse interessato ad unirsi al Team, Soundfly invita a mandare una email e a dire “Hello!” :-).

Che ne pensate di questo progetto? Non sarebbe utile un po’ di educazione musicale anche in Italia?

Commenti

commenti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: