Mulfarimbianchino 2.0: l’impresa di famiglia rinasce sul web

13 luglio 2015
diego felice mulfari

Felice e Diego Mulfari

Mulfarimbianchino non è un semplice sito internet; è un nuovo inizio che segna la rinascita di una famiglia della Brianza colpita dalla crisi. In molti possono rispecchiarsi in questa vicenda, perché è la storia di tante famiglie italiane che si sono ritrovate ad affrontare delle difficoltà economiche a causa della carenza di lavoro.

Felice Mulfari fa l’imbianchino da trent’anni; è questo il suo mestiere, il lavoro di una vita. Nel 2012 si ritrova quasi costretto a chiudere la sua attività per mancanza di clienti, quando il figlio Diego gli propone – come per gioco – di aprire un Blog. Probabilmente Felice non sapeva nemmeno cosa fosse un blog, eppure in quel momento decide di affidarsi al figlio e alle sue idee innovative.

Diego si era laureato in Scienze della Comunicazione e aveva seguito dei corsi di marketing, ma per aiutare il padre a non buttar via i sacrifici di una vita aveva continuato ad aggiornarsi da autodidatta per cercare di rilanciare sul web l’impresa di famiglia. Così è nato il sito mulfarimbianchino.it.

Oggi Diego Mulfari è un web marketing specialist e un consulente per artigiani e commercianti che vogliono trovare nuovi clienti in rete. Svolge anche attività di coaching e cerca di dare motivazione agli altri per non arrendersi e per trovare nella crisi nuove opportunità.

mulfarimbianchino

Cosa ha fatto Diego Mulfari per risollevare l’azienda? Quello che chi si occupa di marketing fa continuamente. Ha osservato i suoi competitor sul web e si è accorto che già altri siti proponevano imbianchini online ai quali richiedere un preventivo. La competizione era al ribasso e il cliente si ritrovava davanti dei moduli da compilare senza potersi identificare a livello emotivo con la persona che poi gli avrebbe imbiancato le pareti di casa. Felice Mulfari aveva in più una storia da raccontare e poteva offrire affidabilità, credibilità, un’esperienza pluriennale e prezzi competitivi.

Sul sito è possibile richiedere un preventivo online, allegare la planimetria dello spazio da imbiancare e ricevere una risposta entro 24 ore. Si può ricorrere anche alla più tradizionale telefonata. Poi c’è la parte delle referenze, come su Amazon: i clienti possono esprimere il loro parere sull’acquisto, nel caso dell’imbianchino la recensione è sul lavoro effettuato.

Mulfarimbianchino è presente sui principali Social Media ed è anche un app per smartphone e tablet Android.

È bene chiarire che l’azienda “Mulfari Felice Imbiancature”, che prende il nome dal suo titolare come quasi tutte le piccole imprese artigiane italiane, non è rinata da un giorno all’altro. Una delle credenze da sfatare è che sia sufficiente avere un sito internet per essere trovati dai clienti o che i tempi di successo di un sito siano brevi. Non è così. Il percorso è fatto di lavoro e fatica e non bisogna mollare se dopo qualche mese non si vedono i risultati.

Per un annetto circa, neanche gli imbianchini 2.0 Felice e Diego sono riusciti a decollare. Poi è successo qualcosa. Non uno scatto improvviso, ma i primi piccoli passi che sono diventati  man mano più grandi. Padre e figlio, insieme, hanno superato le difficoltà e gradualmente sono arrivati i primi clienti e le prime referenze positive. In questo modo, il brand Mulfari ha aumentato la sua autorevolezza e le persone hanno cominciato a fidarsi dell’imbianchino digitale e ad affidargli sempre più lavori.

Diego Mulfari è diventato un modello di riferimento e riceve molti messaggi da persone che hanno la necessità di rimettersi in gioco nel mercato del lavoro.

La dote della quale è necessario appropriarsi è la resilienza; solo chi è resiliente può superare le difficoltà. Ci vogliono costanza e motivazione, perché spesso sul web ci si ritrova da soli con sé stessi. (Diego Mulfari)

Ma la vita digitale deve poi necessariamente integrarsi con la vita reale. Per Mulfarimbianchino sono state importantissime le occasioni di networking, quegli spazi di incontro che ci rendono tutti umani e reali e che permettono alle persone di verificare dal vivo la nostra affidabilità e credibilità.

Per Diego il futuro è chiaro: bisogna unire gli antichi saperi alle nuove tecnologie, proprio come hanno fatto lui e suo padre.

 

Questo post nasce da una reale conversazione con Diego Mulfari.

Commenti

commenti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: